Questo articolo è stato letto 2 volte

Antitrust: osservazioni in materia di apertura degli esercizi commerciali in Italia

Con la segnalazione AS480 del 24 ottobre 2008, l’Autorità ha inteso fare alcune osservazioni in merito alle limitazioni alla concorrenza contenute in alcune discipline regionali e in regolamentazioni degli enti locali in materia di apertura degli esercizi commerciali al dettaglio che, dal punto di vista antitrust, si ritengono ingiustificatamente restrittive della concorrenza, oltre che in contrasto con la disciplina nazionale dettata dagli artt. 12 e 13 del Decreto Legislativo 31 marzo 1998 n. 114 che, come noto, ha liberalizzato l’apertura (giornate e orari) di tutti gli esercizi commerciali situati in taluni tipi di comuni o in particolari zone (articolo 12) nonché di taluni tipologie di esercizi che commercializzano determinati beni a prescindere dalla localizzazione degli stessi (articolo 13).
Con riguardo alle restrizioni oggetto della presente segnalazione, l’Autorità ha ricevuto numerose denunce attraverso cui sono state segnalate talune discipline regionali e regolamentazioni degli enti locali ritenute restrittive della concorrenza, in quanto limitative di quanto disposto dai citati artt. 12 e 13 del D.Lgs. n. 114/98. In particolare, si lamenta il fatto che vengono introdotti  obblighi generali di chiusura in determinate festività.
Con riferimento poi all’individuazione delle giornate di apertura degli esercizi commerciali nei “comuni ad economia prevalentemente turistica” e nelle “città d’arte” è emerso che molte discipline regionali (come, ad esempio, le Regioni Umbria, Lombardia, Emilia Romagna, Liguria, Sardegna, Sicilia) e alcune delibere di enti locali (come, ad esempio, Torino, Milano, Trento, Bologna, Firenze, Ancona) sono intervenute per limitare la portata della liberalizzazione introdotta dall’articolo 12 del D.Lgs. n. 114/98. Ed infine, con riferimento al profilo dell’individuazione della prevalenza per l’applicabilità dell’articolo 13, gli accertamenti svolti hanno evidenziato che in alcune realtà locali viene limitata l’applicazione della liberalizzazione di cui all’articolo 13 del D.Lgs. n. 114/98 prevista per gli esercizi che, in via prevalente, commercializzano determinati beni (tra cui, ad esempio, mobili, abbigliamento, libri), mediante disposizioni che disciplinano restrittivamente la dimostrazione del requisito della prevalenza.

>> Segnalazione 24/10/2008 n. AS480 – Osservazioni in materia di apertura degli esercizi commerciali in Italia

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>