Questo articolo è stato letto 5 volte

Approfondimento: commercio su aree pubbliche in Lombardia dopo le modifiche della L.R. n. 8/2008

di V. Ferè

La Regione Lombardia, con la legge 31 marzo 2008 n. 8, ha modificato la normativa inerente il commercio su aree pubbliche, eliminando, in primis dalla legge n. 15/2000 ogni riferimento formale al d.lgs. 114/98, sia nel titolo sia nel comma 1 del nuovo articolo 1 della legge, riferendosi esclusivamente agli articoli 117 e 118 della Costituzione esplicitando così il diritto esclusivo della Regione a legiferare nella materia commerciale.
Per quanto riguarda le modifiche alle norme precedenti, si è introdotto nel corpo della legge 15/2000 all’art. 1 ciò che è contenuto nell’art 27 del d.lgs. 114/98 in materia di definizioni, all’art. 1bis il contenuto dell’art. 5 del d.lgs. 114/98 con la modifica di cui all’art. 1 bis comma 3 per cui il divieto di esercitare l’attività commerciale, per coloro che sono incappati nei reati previsti dalle norme sul commercio, passa dai cinque anni della norma regionale precedente, come previsto dal d.lgs. 114/98 ai tre anni previsti dalla legge di modifica, mentre al comma 4 del medesimo articolo sono state inserite le modalità necessarie per poter ottenere i requisiti professionali necessari per vendere prodotti del settore alimentare, che sono le medesime modalità previste dal comma 5 dell’art. 5 del d.lgs. 114/98, eliminando però le parole “ultimo quinquennio” per il requisito del possesso del REC, si è nuovamente inserito questo requisito come possibilità per ottenere i requisiti professionali, mentre ciò non è più possibile dal 24/4/2004 per la disposizione del d.lgs. 114/98…(>> Continua)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>