Questo articolo è stato letto 412 volte

Commercio di cose antiche e/o usate – Obbligo della tenuta dei registri

cose antiche

Risoluzione n.120995 del 26 marzo 2018 – Commercio di cose antiche e/o usate – Obbligo di tenuta del registro delle operazioni giornaliere di cui all’articolo 128 del TULPS

La risoluzione diffonde il contenuto della nota n. 4040 del 21 marzo 2018 del Ministero dell’Interno, il quale, sulla base di un parere del Consiglio di Stato, fornisce chiarimenti in merito all’obbligatorietà, in capo agli operatori del commercio di cose antiche o usate, della tenuta di un registro delle operazioni poste in essere giornalmente, a seguito dell’abrogazione dell’articolo 126 del TULPS, ad opera dell’articolo 6, comma 1, del decreto legislativo 25 novembre 2016, n. 222, che condizionava l’esercizio del commercio di cose antiche o usate ad una dichiarazione preventiva all’autorità di pubblica sicurezza.

 

PER APPROFONDIRE

Circolare 21/3/2018 – Commercio di cose antiche e/o usate – Obbligo della tenuta del registro delle operazioni giornaliere di cui all’art. 128 del TULPS

Parere Consiglio di Stato 2/3/2018Richiesta di parere in merito all’eventuale effetto abrogativo implicito dell’art. 6 comma 1, del dlgs n. 222 del 2016 (cd Scia2) sull’articolo 128 TULPS. Registro delle operazini giornaliere

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>