Questo articolo è stato letto 5 volte

Contraffazione e pirateria

Lo scorso 23 marzo il Presidente dell’Antitrust ha presentato alla Camera dei deputati il punto di vista dell’Autorità in merito ai temi della contraffazione e della pirateria in campo commerciale.
In particolare, il Presidente ha sottolineato che “La contraffazione, intesa nel senso di attività volta a produrre e immettere sul mercato merci che recano illecitamente un marchio identico a uno registrato o che costituiscono riproduzioni illecite di prodotti tutelati da diritti di proprietà industriale, è una prassi commerciale che colpisce al cuore il corretto funzionamento del mercato. Deprime gli incentivi ai miglioramenti, disorienta i consumatori, in ultima istanza, impedisce alla concorrenza di recare i suoi benefici tipici: miglioramento e ampliamento della gamma di prodotti e servizi offerti, tendenziale abbassamento dei prezzi, crescita economica”.
I beni interessati – ha sottolineato il Garante – non sono solo quelli di lusso (vestiario, accessori, scarpe, orologi, occhiali). Il fenomeno dell’uso illecito di marchi altrui si estende a cibi e alcolici; articoli per la cura del corpo, telefoni mobili, articoli tecnici, Cd, Dvd, giocattoli, prodotti dal tabacco, medicine e articoli medici. Gli interventi di contrasto devono operare effettivamente su diversi livelli.
E’ imprescindibile il controllo di polizia: in particolare alle dogane, ma anche all’interno del Paese. Tuttavia, il Garante considera importante un’opera di prevenzione e di intervento a tutela dei marchi italiani nei Paesi stranieri dove le contraffazioni vengono realizzate.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>