Questo articolo è stato letto 2 volte

Corte di Cassazione: è attività agrituristica anche se si utilizzano prodotti di terzi

La legge statale prevede che l’attività agrituristica sia esercitata da un imprenditore agricolo, che vi sia una rapporto di connessione e complementarità tra l’attività agrituristica e quella agricola e che quest’ultima resti principale.
Pertanto, la contestazione da parte del Fisco circa la natura agrituristica di una determinata attività – fondata sulla misura della percentale di incidenza degli acquisti di materie provenienti dall’azienda agricola rispetto agli acquisti derivanti da terzi – non inficiano il rapporto di connessione e complementarietà tra attività agrituristica e quella agricola, nè la permanenza della principalità della stessa, imposti dalla norma statale.
In tal caso occorre analizzare le disposizioni regionali relative ai criteri e ai limiti dell’attività agrituristica. Lo sostiene la Corte di Cassazione che con riferimento alla disciplina operante per le strutture agrituristiche ha posto l’accento sulla necessità di far cooperare la legislazione statale con le norme regionali.

>> Corte di Cassazione 2/10/2008, n. 24430

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>