Questo articolo è stato letto 445 volte

Divieto di pubblicità di gioco

insegne scommese

L’Autorità  per le Garanzie nelle Comunicazioni, con la delibera 132/109 fornisce chiarimenti interpretativi in ordine agli ambiti di applicazione dell’art. 9 del decreto-legge 87/2018 in materia di divieto di pubblicità di giochi e scommesse.

Le Linee guida che accompagnano la delibera si propongono di coordinare le nuove regole con la complessa disciplina di settore e con i principi costituzionali e dell’Unione europea

Nell’elaborato si è tenuto conto dei principi e delle finalità cui si ispira la legislazione nazionale in materia di offerta di gioco a pagamento, nonché dei principi europei individuati come segue:

  • protezione rafforzata delle categorie vulnerabili, con particolare riferimento ai minori e ai giocatori patologici;
  • contrasto del gioco a pagamento illegale in contrapposizione all’offerta di gioco a pagamento autorizzata, tramite concessione, dall’Agenzia delle dogane e dei Monopoli;
  • riconoscibilità dell’offerta di gioco a pagamento autorizzata rispetto a quella illegale, tramite l’utilizzo di appositi loghi elaborati dall’Agenzia delle dogane e dei monopoli;
  • trasparenza sulle condizioni e servizi offerti, in modo da favorire decisioni di gioco consapevoli;
  • rispetto del principio di proporzionalità.

 

In particolare nella delibera si definisce che non rientrano nel divieto di cui all’art. 9 del decreto i segni distintivi del gioco legale solo ove strettamente identificativi del luogo di svolgimento della relativa attività (a titolo esemplificativo: mere insegne di esercizio o domini di siti online).

 

Consulta la DELIBERA n. 132/19

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>