Questo articolo è stato letto 8 volte

Garante della privacy sul consenso telefonico all’attivazione di un nuovo servizio

La società che dichiara di aver ricevuto per telefono il consenso all’attivazione di un nuovo servizio deve fornire la registrazione della telefonata al cliente che ne faccia richiesta per verificare l’ordine. Non è sufficiente che l’azienda gli fornisca la trascrizione dei contenuti della conversazione.
Questo è quanto ha stabilito il Garante privacy accogliendo il ricorso di un consumatore che contestava l’attivazione di un contratto da parte di un gestore telefonico attraverso la prassi del “verbal ordering”, cioè la chiamata con la quale avrebbe aderito ad una proposta commerciale.
Il ricorrente aveva chiesto alla società telefonica una copia della registrazione del colloquio.
Il gestore aveva fornito all’interessato solo una sintesi scritta dei contenuti di quella telefonata. Insoddisfatto del riscontro ottenuto l’utente, si era rivolto all’Autorità che ha ribadito che il diritto di accesso ai dati personali contenuti nel “verbal ordering” non può ritenersi pienamente soddisfatto dalla sintesi scritta fornita dall’azienda, in quanto solo la registrazione consente di accedere al dato vocale.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>