Questo articolo è stato letto 10 volte

GIOCO D’AZZARDO – firmato protocollo d’Intesa tra ANCI Lombardia è coordinamento  lombardo mettiamoci in gioco

E’ ormai acclarato che il gioco d’azzardo patologico determina delle conseguenze sociali, sanitarie ed economiche gravissime, che pesano sull’intera società. I comuni, da anni, denunciano con forza questa situazione che ha messo in crisi molte famiglie, minando la stabilità del tessuto sociale. Anci Lombardia chiede da tempo alle istituzioni leggi che consentano ai comuni e ai servizi socio sanitari di applicare misure in grado di porre un argine efficace al dilagare di una pratica i cui effetti stanno nuocendo gravemente a molte famiglie. Il protocollo firmato oggi è importante e consolida una collaborazione già attiva tra enti locali e soggetti associativi e no profit da tempo impegnati sul campo”. Questa la dichiarazione di Roberto Scanagatti, Presidente di Anci Lombardia, in occasione della firma del protocollo d’intesa tra Anci Lombardia e Coordinamento Lombardo Mettiamoci in gioco per il contrasto al gioco d’azzardo patologico.
“La firma di questo protocollo d’intesa è un fatto molto importante, che assume una rilevanza ancora maggiore se si pensa che, di fronte alle sollecitazioni ad agire più volte inviategli da parte della società civile, come la richiesta del divieto assoluto di pubblicità, Governo e Parlamento si sono dimostrati in gran parte inerti nella battaglia contro il gioco d’azzardo patologico, le cui conseguenze sociali, sanitarie ed economiche ricadono sulle persone più fragili e sulle comunità locali. Per questo motivo, con il documento che abbiamo qui condiviso ribadiamo il nostro impegno a contrastare, con gli strumenti che abbiamo a disposizione, la diffusione dell’azzardo e a sostenere gli enti locali, affinché venga riconosciuta a Comuni e Regioni la piena sovranità nella ulteriore limitazione dell’offerta di azzardo sul territorio”, afferma don Virginio Colmegna, presidente della Casa della carità e consigliere CeAS e membro della segreteria del Coordinamento Lombardo di Mettiamoci in Gioco.
Il Paese a cui si riferiscono Roberto Scanagatti, presidente di Anci Lombardia, e don Virginio Colmegna, è quello descritto dall’Agenzia dei Monopoli e delle Dogane (Libro Blu 2015), dove l’industria dell’azzardo vale il 5,5% circa del PIL nazionale collocandosi al quarto posto fra le industrie italiane (dietro a Exor, Eni e Generali, prima di Enel). E’ il Paese in cui GTECH (già Lottomatica), operatore di lotterie e scommesse con sede a Roma, prima quotato alla Borsa di Milano, ora al NYSE in seguito all’acquisizione e fusione con il colosso americano IGT, è diventato il maggior operatore mondiale di giochi regolamentati e delle lotterie.
In attesa che il Comitato nominato recentemente dal Ministero della Salute ricostruisca la situazione dei giocatori problematici e dipendenti in Italia, stime internazionali ci dicono che sono 15 milioni i giocatori abituali (il 25% circa della popolazione italiana), 2-3 milioni a rischio patologico, 1,3 milioni i giocatori già patologici. Ogni anno i danni socio-sanitari causati dall’azzardopatia sono pari a 6 miliardi di euro, mentre sono quasi 4 i miliardi di mancata IVA sui consumi di chi butta i propri risparmi tentando la sorte anziché acquistare beni di prima necessità.
 
Con le tragedie personali e familiari conseguenti a questi numeri, si misurano ormai da anni i Comuni e le Associazioni che si occupano delle persone con problemi di gioco. Dalla necessità di far fronte ai drammi del gioco, offrire possibilità di cura alle persone dipendenti, organizzare formazione e prevenzione, scaturisce il progetto di questo protocollo d’intesa firmato oggi tra il Coordinamento Lombardo di Mettiamoci in gioco e Anci Lombardia. 
Il Coordinamento lombardo Mettiamoci in gioco, articolazione regionale della Campagna nazionale,  infatti è costituito da Associazioni, Enti, Sindacati  (Acli, Ada, Adusbef, Anci, Anteas, Arci, Associazione Orthos, Auser, Aupi, Avviso Pubblico, Azione Cattolica Italiana, Casa della Carità, Ceal, Ce.A.S., Cgil, Cisl, Cnca, Comunità di famiglie Villapizzone, Conagga, Cooperativa Amenano, Ctg, Federazione Scs-Cnos/Salesiani per il sociale, Federconsumatori, FeDerSerD, Fict, Fitel, Forum delle associazioni familiari Lombardia, Fp Cgil, Gruppo Abele, InterCear, Ital Uil, Lega Consumatori, Libera, Onds, Progetto ORTHOS, PIME,  Scuola delle Buone Pratiche/Legautonomie-Terre di mezzo, Shaker-pensieri senza dimora, Uil, Uil Pensionati e Uisp) che si sono uniti per:
–       sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sulle reali caratteristiche del gioco d’azzardo nel nostro paese e sulle sue conseguenze sociali, sanitarie ed economiche
–       avanzare proposte di regolamentazione del fenomeno
–       fornire dati e informazioni
–       catalizzare l’impegno di tanti soggetti che – a livello nazionale e locale – si mobilitano per gli stessi fini
Anci Lombardia, articolazione regionale dell’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani che si propone la conquista e la difesa delle libertà municipali in ogni manifestazione di vita e della attività comunale, Associazione che a livello nazionale già partecipa alla campagna Mettiamoci in gioco, intende favorire presso i Comuni lombardi la consapevolezza dei rischi provocati dal gioco d’azzardo, e le conseguenze sociali sanitarie ed economiche che ricadono nelle comunità locali.
Il Coordinamento lombardo di Mettiamoci in gioco e Anci Lombardia condividono l’impossibilità di restare indifferenti di fronte al degrado personale, sociale e urbanistico che il gioco d’azzardo provoca nelle comunità locali, ed esprimono la volontà di impegnarsi insieme per contrastare la dipendenza dal gioco d’azzardo.
Ritengono indispensabile il fatto che in Italia venga approvata al più presto una norma che preveda il divieto assoluto di pubblicità dell’azzardo in ogni sua forma e con ogni mezzo, che vengano riconosciuti i poteri regolamentari dei Comuni anche per il gioco d’azzardo, che sia realizzata un’effettiva riduzione dell’offerta del gioco d’azzardo e venga impedita l’azione delle mafie nel gioco d’azzardo.
Valutata positivamente l’azione della Regione Lombardia a contrasto del gioco d’azzardo patologico, ritengono indispensabile che prosegua l’azione della Regione e degli Enti locali per contrastare il gioco d’azzardo eccessivo e patologico con tutti gli strumenti disponibili: leggi regionali e regolamenti comunali specifici, norme nella Legge Regionale e nei Piani Comunali per il Governo del Territorio.
Il Coordinamento lombardo di Mettiamoci in gioco e Anci Lombardia ritengono che per  conseguire gli obiettivi individuati e contribuire a diffondere una cultura del gioco creativo e socializzante, ricostruendo legami di conoscenza, amicizia e solidarietà, ritengono importante lanciare una campagna di mobilitazione di Associazioni, Enti locali e singoli cittadini, che si diffonda attraverso dibattiti e confronti pubblici, slotmob, giochi in piazza, merende, marce, catene umane, presenza organizzata nelle piazze più importanti delle città capoluogo di provincia, e digiuno a staffetta.
Al fine di sostenere le iniziative previste dal protocollo sottoscrittto, ed altre che venissero individuate, il Coordinamento lombardo Mettiamoci in gioco e Anci Lombardia costituiscono un gruppo di lavoro finalizzato a fornire un supporto tecnico qualificato formato da Amministratori locali e  specialisti del settore individuati dalle due Associazioni. 
 
Fonte: Anci
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>