Questo articolo è stato letto 274 volte

IL CASO – agenzia delle dogane – alcol – SCIA

question-mark-4682731__480

A seguito dell’approvazione del Decreto Crescita, convertito nella legge 28 giugno 2019, n. 58, è stato reintrodotto l’obbligo della denuncia fiscale per la vendita di alcolici anche per quelle attività produttive che dal 2017 ne erano state esentate. L’Agenzia delle Dogane il 17/08/2019 ha provveduto a ripristinare il modello di “Denuncia di attivazione esercizio di vendita di prodotti alcolici assoggettati ad accisa e istanza per il rilascio della licenza di esercizio (art. 29, commi 2 e 4 e art. 63, comma 1 del D.Lgs. 26 ottobre 1995, n. 504). Per l’avvio di un’attività di vendita al minuto di alcolici in un esercizio di vicinato si applica il regime amministrativo della SCIA unica, come previsto dal D.Lgs 222/2016 (c.d. decreto Madia) al punto 1.10 delle tabelle di cui all’allegato A. Si chiede di sapere se l’ipotesi in cui un soggetto voglia avviare la vendita al dettaglio o la somministrazione al pubblico di alcolici, senza avere precedentemente ottenuta la licenza fiscale dall’agenzia delle Dogane, con tramissione della relativa denuncia e richiesta di licenza nella SCIA presentata al SUAP, come da previsione di legge, sia ascrivibile ad un nuovo caso di SCIA CONDIZIONATA, con possibilità di avviare l’attività solo dopo ill rilascio della licenza fiscale. Si chiede dunque di sapere se il susseguirsi di norme relative all’esclusione prima e alla reintroduzione poi dell’obbligo di licenza fiscale per la vendita di alcolici abbia in qualche modo modificato le previsioni del sopracitato decreto Madia, che ha previsto il regime della SCIA CONDIZIONATA nelle ipotesi di vendita al dettaglio in esercizio di vicinato di prodotti quali oggetti preziosi, armi, fitosanitari, scegliendo invece il regime della SCIA UNICA nelle ipotesi di vendita di alcolici, con la trasmissione della “comunicazione che vale come denuncia ai sensi dell’D.Lgs 504/1995 all’Agenzia delle Dogane”, e conseguente efficacia della SCIA non subordinata all’ottenimento dell’autorizzazione.

 

Vuoi conoscere la risposta dei nostri esperti? Continua a leggere QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>