Questo articolo è stato letto 205 volte

IL CASO – area per cani – normativa – procedura

cani2

Precisando che dalle verifiche sin qui effettuate, non emergono motivi ostativi in merito contemplati dalla normativa nazionale in materia (DPR 320/54 e ordinanze ministeriali e tulps), dalla normativa regionale in materia (l.r. 33/2009 e Regolamento n. 2/2017) e comunale, nè dalla regolamentazione della Azienda sanitaria locale, si chiede conferma che possa essere consentita l’apertura da parte di un privato di una “area cani privata” (un solo terreno recintato adibito a sgambatura cani da parte dei privati) a scopo di lucro, eventualmente riconducibile alla tipologia “asilo per cani” di cui al citato regolamento regionale, tramite presentazione di s.c.i.a. ex art. 19 legge 241/90. Si chiede di precisare eventuale iter amministrativo specifico da seguire per la fattispecie e quali siano le eventuali prescrizioni da imporre al privato, salvo previsioni urbanistiche in merito alla destinazione d’uso del terreno.

 

>> Vuoi conoscere la risposta dei nostri esperti? Continua a leggere QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>