Questo articolo è stato letto 343 volte

IL CASO – artigiano – alimentarista – consumo immediato

sedie

Un esercente di una polleria, gastronomia per vendita per asporto, già avviato da tempo, ha presentato una SCIA sanitaria con la quale segnala la realizzazione di un’area privata, esterna al laboratorio, in cui saranno posizionate sedie e tavoli a disposizione dei clienti della gastronomia che, acquistando i pasti in confezioni monouso da asporto, potranno, se vorranno, consumare sul posto, tali prodotti gastronomici. A servizio del’area, il titolare ha segnalato, inoltre, la realizzazione di servizi igienici per gli avventori del locale.

Si evidenzia che nella SCIA non viene segnalata vendita di bevande e/o alimenti diversi da quelli prodotti artigianalmente nel laboratorio.

Si chiede un vostro parere se tale attività segnalata necessiti, altresì, di SCIA prevista per l’apertura di un esercizio per la somministrazione di alimenti e bevande.

>> Leggi la risposta dei nostri esperti

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>