Questo articolo è stato letto 610 volte

IL CASO – Commercio elettronico – artigiano – preziosi

Quesito

 

Abbiamo ricevuto una richiesta di informazioni per l’avvio di un’attività artigianale di lavorazione dell’argento. L’interessato intenderebbe acquistare prodotti semilavorati e sottoporli a lucidatura in locali attigui alla sua abitazione per giungere ad avere dei prodotti finiti dotati del suo marchio e venderli tramite commercio elettronico. Preliminarmente presumiamo che i locali in cui si svolgono le lavorazioni debbano avere adeguata destinazione d’uso; occorre anche un deposito per le merci? La persona in questione deve dotarsi dell’autorizzazione rilasciata dalla Questura ai sensi dell’art. 127 del T.U.L.P.S. per la fabbricazione/vendita di oggetti preziosi? E’ sufficiente che presenti una SCIA per l’avvio di un’attività di commercio elettronico non alimentare?

Vuoi conoscere la risposta del nostro esperto? Continua a leggere QUI

 

PER APPROFONDIRE

 

manuale

Manuale delle attività commerciali ed artigianali

di Saverio LinguantiDaniela Paradisi

Il volume offre un quadro completo ed esaustivo della disciplina amministrativa sul commercio – sia nelle forme tradizionali che nelle varie forme speciali – e sulle attività artigianali, sulla base dei principi fondamentali che il legislatore nazionale ha approvato negli ultimi anni.

acquista_ora

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>