Questo articolo è stato letto 181 volte

IL CASO – commercio su area privata – prodotti agricoli – SCIA

IL QUESITO

 

Un’azienda agricola che alleva bufale, sino ad oggi ha commercializzato i propri prodotti, ovvero formaggi e yogurt provenienti dalla lavorazione del latte. Ora vorrebbe aggiungere la vendita di insaccati provenienti dalla lavorazione delle carni degli animali dell’allevamento, che però non verrebbe effettuata direttamente dall’azienda, bensì da una ditta incaricata.

Tale vendita può rientrare fra le attività previste dal decreto legislativo 228/2001 o è necessaria la SCIA per avvio attività commercio in esercizi di vicinato?

 

Vuoi conoscere la risposta del nostro esperto? Continua a leggere QUI

Ti consigliamo il VOLUME:

manuale

Manuale delle attività commerciali ed artigianali

di Saverio LinguantiDaniela Paradisi

Il volume offre un quadro completo ed esaustivo della disciplina amministrativa sul commercio – sia nelle forme tradizionali che nelle varie forme speciali – e sulle attività artigianali, sulla base dei principi fondamentali che il legislatore nazionale ha approvato negli ultimi anni.

acquista_ora

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>