Questo articolo è stato letto 639 volte

IL CASO – emergenza virus – commercio – consegna al domicilio

consegna domicilio2

Le attività di commercio al dettaglio sospese, perché non rientranti fra quelle elencate nell’allegato 1 al DPCM 11 marzo 2020 (quali esercizi di vendita di abbigliamento, librerie … ), possono consegnare la merce al domicilio del consumatore, previo ordine telefonico o via internet o via posta elettronica, stante il fatto che l’esercizio di vendita presso il domicilio dei consumatori e l’esercizio di vendita per corrispondenza, tv e altri sistemi di comunicazione compreso il commercio on line, è stata considerata, in sede di adozione della modulistica unificata, quale è accessoria se esercitata assieme ad altra tipologia di vendita e quindi non necessitante di alcun titolo di legittimazione aggiuntivo, e, nello stesso allegato 1, è previsto che possa essere effettuato il commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet, per televisione e per corrispondenza, radio, telefono?

Vuoi conoscere la risposta dei nostri esperti? Continua a leggere QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>