Questo articolo è stato letto 129 volte

IL CASO – produttore agricolo – vinificazione – vendita

question-mark-4682731__480

Un azienda agricola che si occupa di coltivazione di uva, consegna tutta l’uva raccolta ad un altra azienda, una cantina, che fa il processo di vinificazione ed imbottigliamento e alla fine restituisce all’azienda coltivatrice dell’uva una parte delle bottiglie (circa il 50% delle bottiglie prodotte) apponendovi il nome dell’azienda coltivatrice dell’uva per la successiva vendita. L’azienda agricola che coltiva l’uva quindi non fa alcuna fase di vinificazione e imbottigliamento. L’azienda agricola ci chiede se la vendita da parte sua, in un locale a sua disposizione, delle bottiglie di vino prodotte con la sua uva e etichettate con il suo nome possono essere considerate come “vendita di prodotti provenienti dalle proprie colture effettuata da imprenditore agricolo” e quindi sia possibile attivarla, ai sensi del D. Lgs. 228/2001, con la semplice comunicazione al Comune, con presentazione della SCIA sanitaria e senza necessità di conformità della destinazione d’uso dei locali, o se, di fatto, non intervenendo nel processo produttivo la vendita delle bottiglie debba essere considerata come attività di commercio al dettaglio e quindi assoggettata al D.Lgs. 114/98 con il possesso di tutti i requisiti previsti.

 

Vuoi conoscere la risposta dei nostri esperti? Continua a leggere QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>