Questo articolo è stato letto 9 volte

Il commercio ed il restauro di mobili

Dopo le modifiche al T.u.l.p.s. (R.D. 18/6/1931 nr. 773) intervenute nell’anno 2001 con il D.p.r. 311/2001 poi le novità introdotte nella materia dalla legge 131/2003 ed infine le modifiche introdotte dalla legge 110/2014 il controllo degli operatori commerciali che si occupano della vendita di cose usate e di restauratori è divenuto particolarmente complesso in quanto nel quadro di una depenalizzazione spinta emergono ancora situazioni che rimangono nell’alveo della procedura penale e la qualificazione della figura del restauratore determinano la necessità di conoscere questi ulteriori disposizioni.

Continua a legggere l’articolo

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>