Questo articolo è stato letto 1.702 volte

IL QUESITO DEL GIORNO – Somministrazione – Suolo pubblico – Chioschi – Direttiva Bolkestein

» Quesito

Nel nostro Comune sono presenti numerose aree soggette ad uso civico che il Comune, mediante approvazione di mutamento di destinazione ai sensi della normativa regionale vigente, ha destinato alla realizzazione di chioschi per la somministrazione di alimenti e bevande. Ai fini dell’assegnazione delle aree sono state bandite procedure pubbliche che hanno portato al rilascio di concessioni annuali, rinnovate di anno in anno senza determinazione di termine finale. Vorrei cortesemente sapere se anche in questo caso vale la scadenza del luglio 2017 per il rinnovo delle concessioni; in caso positivo, trattandosi di chioschi lungo le coste che offrono servizi per la stagione estiva, è legittimo prorogarne la scadenza al termine della stagione estiva ? ed inoltre trattandosi di aree soggette ad uso civico, è legittimo riservare la partecipazioni al bando ai soli residenti? Un’ultima domanda : è possibile vietare al concessionario l’affitto d’azienda ?

» Risposta

L’articolo 16 del D.lgs 59/2010 che ha recepito la direttiva europea 123/CE/2006 – Direttiva Bolkestein – nell’ipotesi in cui il numero di titoli autorizzatori disponibili per una determinata attività di servizi sia limitato per ragioni correlate alla scarsità delle risorse naturali o delle capacità tecniche disponibili, prevede che le autorità competenti applichino una procedura di selezione tra i candidati potenziali, tale concessione dovrà avere una durata limitata e non potrà essere rinnovata automaticamente né potranno essere concessi al concessionario uscente particolari condizioni di favore. L’articolo 70 comma 5 del medesimo Decreto prevede, in deroga al principio espresso, che in sede di conferenza unificata stato regioni saranno determinate le scadenze definitive e le procedure per il rinnovo delle concessioni da applicarsi nella fase di prima applicazione. In data 5 Luglio 2012 è stata raggiunta l’intesa nella conferenza unificata stato regioni nella quale venivano stabilite le scadenze definitive delle concessioni in essere e il punteggio massimo da assegnare all’operatore uscente solo nella fase di prima applicazione dei nuovi bandi di assegnazione. In data 16 Luglio 2015 la conferenza unificata Stato Regioni ha emanato una nuova disposizione per le assegnazioni delle concessioni di suolo pubblico relative ai chioschi utilizzati nelle attività di somministrazione, per le rivendite della stampa quotidiana e periodica e per gli artigiani, in tale accordo si rinvia, ai fini dell’applicazione da parte dei comuni, alle disposizioni già emanate nell’intesa del 5 Luglio 2012. Per quanto attiene al quesito riteniamo che non avendo ancora il comune emanato specifiche disposizioni in materia di nuove assegnazioni si potrà prorogare le concessioni in essere fino alla scadenza del prossimo 5 Luglio 2017 e provvedere entro tale data all’espletamento dei nuovi bandi di assegnazione che saranno aperti a tutti i cittadini europei, dato che una limitazione basata sulla residenza sarebbe contraria alle disposizioni contenute nel D.lgs 59/2010.

 

LA REDAZIONE CONSIGLIA

8891613929

Scia, silenzio assenso 
e conferenza di servizi

La nuova disciplina dopo la Legge n. 124/2015

Guida all’utilizzo della SCIA 
nelle attività economiche, 
nei procedimenti 
di polizia amministrativa 
e nell’edilizia

– Normativa
– Prassi
– Modulistica

 

 

ACQUISTA ON LINE

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>