Questo articolo è stato letto 169 volte

La competenza sanzionatoria in materia di confezionamento, etichettatura e pubblicità dei prodotti alimentari spetta allo Stato

Il D.Lgs. 27 gennaio 1992, n. 109, concernente il confezionamento, l’etichettatura e la pubblicità dei prodotti alimentari destinati al consumatore finale, reca una disciplina riferibile alla materia del commercio e della connessa protezione del consumatore (cfr. sent. n 401/1992 della Corte Costituzionale); ne consegue che la competenza in materia, anche sanzionatoria, spetta allo Stato e non pure alle Regioni o ai Comuni.
Con la citata sentenza n 401/1992 la Corte Costituzionale aveva ritenuto che il menzionato decreto legislativo riordini, con normativa organica, l’intera materia dell’etichettatura, presentazione e pubblicità degli alimenti, abrogando espressamente le precedenti disposizioni.
Lo scopo della nuova disciplina è quello della protezione del consumatore. Si tratta pertanto di normativa che solo di riflesso coinvolge gli aspetti inerenti all’igiene e alla sanità degli alimenti, di competenza regionale, ma che attiene invece precipuamente alla materia del commercio di competenza dello Stato.
Nello specifico, la Suprema Corte si è espressa accogliendo il ricorso di un commerciante contro la sentenza del Giudice di pace che aveva rigettato la sua opposizione avverso l’ordinanza ingiunzione che gli comminava una sanzione amministrativa pecuniaria per violazione del D.Lgs. n. 109/1992, art. 10, il quale recitava che “è vietata la vendita di prodotti che riportano la data di scadenza, a partire dal giorno successivo a quello indicato sulla confezione”.
Il Giudice di pace ha erroneamente ritenuto infondata l’eccezione del commerciante con l’argomento che la Regione Sicilia, a statuto speciale, in base all’art. 14 del proprio statuto, avesse competenza esclusiva in materia di industria e di commercio e la connessa potestà regolamentare amministrativa entro i limiti generali di legittimità, attuata anche attraverso gli enti pubblici territoriali o non territoriali.

>> Corte di Cassazione 28/11/2007, n. 24724

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>