Questo articolo è stato letto 11 volte

La disciplina dell’agriturismo in Lombardia (parte II)

agriturismo

Sotto il profilo strutturale, la legge regionale lombarda sull’Agriturismo contiene una importante declaratoria all’articolo 154 che individua i locali da destinare ad attività agrituristiche in tutti gli edifici in possesso del requisito di ruralità rilevante ai fini fiscali, già esistenti da almeno tre anni, a condizione che la loro destinazione all’attività agrituristica non comprometta l’esercizio dell’attività agricola.

I suddetti edifici rurali sono compatibili con ogni destinazione d’uso prevista dagli strumenti urba­nistici comunali e sovracomunali.

Il riuso degli immobili rurali destinati ad agriturismo, anche distaccati, può avvenire attraverso interventi di ri­strutturazione edilizia, di restauro e risanamento conserva­tivo e attraverso ampliamenti necessari all’adeguamento igienico-sanitario e tecnologico. E’, altresì, consentito, per una sola volta, l’ampliamento nella misura massima del dieci per cento della superficie lorda di pavimento desti­nata a uso agrituristico sulla base della potenzialità agritu­ristica risultante dal certificato di connessione.

Si deve segnalare infine come il comma 4 dell’articolo 154 preveda che nelle aree destinate all’agricoltura dagli strumenti ur­banistici generali sono ammessi l’approntamento di spazi per la sosta di mezzi da campeggio, nonché la realizzazio­ne di locali tecnici e di servizi igienici accessori da destina­re alla sosta di campeggiatori, in rapporto alla potenzialità agrituristica risultante dal certificato di connessione.

Continua la lettura dell’APPROFONDIMENTO

Vedi la Parte I

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>