Questo articolo è stato letto 66 volte

In primo piano

La notificazione al legale rappresentante/trasgressore presso la sede della società sana i vizi della notifica al trasgressore/legale rappresentante?

Articolo di Domenico Trombino

SUAP

Tizio contesta l’inesistenza o la nullità della notifica del verbale di accertamento e contestazione a lui, come trasgressore, affermando di non averne avuto  effettiva conoscenza, per quanto questo sia stato notificato alla sede della persona giuridica, obbligata solidale, della quale il medesimo Tizio è legale rappresentante, seppur in mani di incaricato che ne ha curato il ritiro.

 

Si ritiene in ogni caso raggiunto lo scopo in termini di atti giunti effettivamente nella sfera di conoscibilità del destinatario e di disponibilità da parte sua dell’informazione.

Il tema fondamentale è quello della distinzione fra momento di perfezionamento della notifica e sua prova, assumendo, s’intende, che la procedura si sia sviluppata, attraverso tutti gli adempimenti previsti dalla legge.

La giurisprudenza prevalente afferma che senza prova dell’avviso di ricevimento della raccomandata contenente la comunicazione di avvenuto deposito, ai sensi di quanto previsto dall’art. 8 della legge 890/1982 e dall’art. 140 C.p.c., la notifica non è valida.

 

Continua la lettura dell’APPROFONDIMENTO

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>