Questo articolo è stato letto 24 volte

La SCIA e il falso dopo la legge n. 124/2015

Quale titolo immediatamente autolegittimante, immediatamente nel senso proprio di “senza mediazione” di atti della p.a., la SCIA , da un lato, richiede, sul piano del contenuto, l’inserimento in essa o l’accompagnamento da parte di dichiarazioni sulla sussistenza di tutti i requisiti richiesti per l’attività segnalata (dichiarazioni che integrano una specie di “motivazione” in fatto e in diritto del titolo stesso e che consentono alla p.a. di effettuare i controlli su elementi ben identificati), dall’altro lato, ha bisogno di una particolare affidabilità e serietà delle dichiarazioni dei requisiti dell’attività, anche considerata la possibilità della scia di stabilizzarsi sulla base di quelle dichiarazioni, senza alcun intervento espresso della p.a.

Continua a leggere l’articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>