Questo articolo è stato letto 236 volte

La tragicomica condizione di chiusura del mercato dell’ “Autotrasporto non di linea” ed il D.L. 143/2018

Articolo di Pino Napolitano

taxi

La storica e persistente incapacità del nostro Parlamento di riformare e liberalizzare il mercato dell’“autotrasporto non di linea” è così incancrenita da rendere stucchevole ogni commento.

Le ragioni di questo immobilismo (al netto del fatto che è pur vero che si smuovono legittime rivendicazioni di categoria) riposano essenzialmente (a mio modestissimo avviso) sulla paura  -individualmente patita da ciascun Senatore od Onorevole della Repubblica – di salire su un Taxi nelle prossimità delle aule parlamentari o della stazione di Roma-Termini; paura, se non di essere linciato, di dover affrontando la sequela di “male parole”, che l’operatore di turno gli riserverà, non appena il malcapitato parlamentare sia stato riconosciuto o (per inesperienza da debuttante) abbia dichiarato la propria condizione.

>> Continua a leggere l’articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>