Questo articolo è stato letto 5 volte

Le etichette degli alimenti senza piu’ misteri entro il 2014

Dal 13 Dicembre 2014 entrerà in vigore il Regolamento Europeo 1169/2011 che ridefinisce la normativa relativa all’etichettatura dei prodotti alimentari.

Secondo il Regolamento Europeo, la redazione di un etichetta dovrà esser basata su criteri di assoluta trasparenza per la salvaguardia della salute dei consumatori, l’etichetta dovrà essere apposta nella parte anteriore della confezione o in posizione comunque ben visibile, ma non in parti marginali del prodotto.

 
 
Ecco le NOVITA’ DEL REGOLAMENTO:
 
 
TABELLA CON DICHIARAZIONE NUTRIZIONALE OBBLIGATORIA che dovrà contenere le informazioni su: il contenuto energetico e le percentuali di grassi acidi, grassi saturi, carboidrati, zuccheri, proteine e sale, espresse per 100g o per 100ml di prodotto e potranno essere espresse anche in porzioni;
 
INDICAZIONI SULLA PRESENZA DI ALLERGENI con evidenziazione in modo da essere individuate facilmente dai consumatori, valide anche per i cibi non imballati, ad esempio quelli venduti nei ristoranti o nelle mense;
 
ETICHETTE PIU’ LEGGIBILI con dimensione minima di caratteri tipografici non inferiori a 1,2 mm, oppure 0,9 mm se le confezioni presentano una superficie inferiore a 80 cm2, in caso di una confezione con superficie inferiore a 10 cm2, l’etichetta potrà riportare solo le informazioni principali;
 
DATA DI SCADENZA riportata oltre che sulle scatole anche sull’incarto interno del cibo se confezionati singolarmente;
 
DIVIETO ALLE INDICAZIONI FUORVIANTI SULLE CONFEZIONI: aspetto, descrizione e presentazione grafica dovranno essere più comprensibili per non confondere il consumatore.
 
Inoltre TUTTE LE ETICHETTE DOVRANNO RIPORTARE, come già accade: denominazione dell’alimento, elenco degli ingredienti e relativa quantità, quantità netta dell’alimeto, scadenza e termini di conservazione, nome o ragione sociale dell’operatore che commercializza il bene, paese d’origine, istruzioni per l’uso e volume alcolometrico solo nel caso di prodotti contenenti più dell’1,2% di alcool. 
 

APPROFONDISCI CON LO SPECIALE ETICHETTATURA




© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>