Questo articolo è stato letto 412 volte

Legge di Bilancio 2018

bilancio.11jpg

Il dossier del servizio studi di Camera e Senato e la nota di lettura del Servizio di Bilancio del Senato analizzano dettagliatamente la Legge di Bilancio 2018.

Riportiamo di seguito alcune delle principali novità della Legge di Bilancio 2018:

  • esenzione dall’innalzamento dell’età pensionabile per 15 categorie di addetti a lavori usuranti e estensione dell’Ape social a queste stesse categorie. Reso strutturale il pagamento del 1° giorno del mese degli assegni pensionistici;
    Sconto contributivo per le donne lavoratrici di 1 anno per ogni figlio (fino a un massimo di 2 anni) per accedere all’Ape social;
  • introdotti sgravi contributivi del 50% per i primi 3 anni per le aziende che assumono a tempo indeterminato giovani fino a 29 anni, solo per il 2018 lo sconto riguarderà l’assunzione di giovani fino a 35 anni di età. Lo sgravio diventa del 100% se si assume nelle regioni del Sud Italia e si applicherà anche ai giovani provenienti dall’alternanza scuola-lavoro, dall’apprendistato o ai Neet;
  • ampliata la platea dei beneficiari del bonus 80 euro e obbligo per i datori di lavoro di pagare lo stipendio solo con strumenti tracciabili;
  • detrazione al 19%, fino a 250 euro per gli abbonamenti a bus, treno e metro;
  • aumento di 85 euro medi in busta paga per i dipendenti pubblici, a seguito del rinnovo del CCNL;
  • stop per il 2018 all’aumento di IVA, accise, addizionali regionali e provinciali;
  • modificato il calendario fiscale: 23 luglio per la dichiarazione precompilata, 30 settembre per lo Spesometro, 31 ottobre per modello 770, modello Unico e le dichiarazioni Irap. Introdotta la Web tax al 3%dal 2019 e prevista la proroga di 1 anno per gli studi di settore;
  • il bonus bebè sarà un assegno di 80 euro al mese, per un anno, ai nati nel 2018. La misura non sarà più strutturale;
  • sale a 4 mila euro la soglia di reddito annuo che consente ai figli di restare a carico dei genitori;
  • aumento della platea destinataria e dei fondi a disposizione per il Reddito di Inclusione;
  • rinviata al 2020 l’attuazione della direttiva Bolkenstein che impone di mettere a gara le concessioni pubbliche invece che assegnarle senza un termine. Proroga di un anno anche per la riforma del servizio Taxi e Ncc;
  • confermato il Bonus Casa in materia di immobili, con detrazioni del 50% per le ristrutturazioni e del 65% per interventi di risparmio energetico;
  • confermato il Bonus Mobili: detrazione pari al 50% del costo di arredi e di grandi elettrodomestici, acquistati per la ristrutturazione dell’abitazione principale;
  • Bonus Verde: detrazione del 36% per una spesa al massimo di 5mila euro per rifacimento giardini e terrazzi.

PER APPROFONDIRE

>> Leggi NOTA ANCI TOSCANA – Nota generale sui contenuti di interesse recepiti nella Legge di Bilancio per il 2018
>> Leggi la nota di lettura del Servizio Bilancio del Senato, 29/12/2017
>> Leggi il dossier del Servizio Studi di camera e Senato, 29/12/2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>