Questo articolo è stato letto 23 volte

Liguria – Circolare per l’applicazione direttiva Bolkestein

La Regione Liguria, nello stesso modo, aveva disciplinato con propria l.r. n. 1/2007 recante “Testo unico in materia di commercio” tutte le materie che rientrano nel settore del commercio. Con la Circolare del 1 luglio 2010 si forniscono indicazioni utili per individuare se e quali parti della normativa e delle programmazioni commerciali ed urbanistiche in materia di commercio al dettaglio in sede fissa e di somministrazione di alimenti e bevande vigenti in Liguria siano in contrato con la Direttiva 2006/123/CE e di conseguenza vadano disapplicate e poi, ai sensi dell’art. 84 del d. Lgs. n. 59/2010, vadano modificate, fermo restando che in attuazione dell’art. 5, comma 1 (Semplificazioni delle procedure) della suddetta Direttiva, devono applicarsi i regimi abilitativi più semplificati.
Su queste basi, la Regione Liguria, per quanto riguarda il subingresso nell’attività commerciale, continua ad applicare l’art. 132 della propria l.r. n. 1/2007 che prevede la comunicazione al Comune competente per territorio a differenza del d. lgs. n. 59/2010 che ha introdotto la D.i.a. a efficacia immediata.
Per quanto riguarda tutte le forme speciali di vendita al dettaglio (spacci interni, distributori automatici, vendite per corrispondenza tramite televisione o altri sistemi di comunicazione, vendite effettuate presso il domicilio dei consumatori) trova applicazione la D.i.a. immediata prevista dal D. lgs. n. 59/2010.
Modificato l’art. 34 della l.r. n.1/2007 che indica il comune di residenza del richiedente quello titolato al rilascio dell’autorizzazione al commercio in forma itinerante, sostituito, invece, con il comma 2, dell’art. 70 del d.lgs. n.59/2010 che in individua nel comune in cui si intende avviare l’attività, l’ente competente al rilascio dell’autorizzazione.
Sui requisiti morali e professionali vengono disapplicati gli art. 12 e 13 del Testo unico e si applica l’art. 71 del d.lgs. n. 59/2010 per tutte le attività commerciali, rimanendo requisito professionale valido la pregressa iscrizione al Rec per almeno due anni anche non continuativi nel quinquennio precedente.
Per la somministrazione di alimenti e bevande la regione continua a mantenere l’istituto dell’autorizzazione anche per il trasferimento di sede (art. 55 della l.r. n.1/2007) configurandosi, a detta della Regione, l’ipotesi dei motivi imperativi di interesse generale previsti dall’art. 4 della direttiva servizi.

 

Circolare Liguria 1/7/2010 –  Circolare per applicazione direttiva servizi ( bolkestein) e sua attuazione con decreto legislativo 26 marzo 2010 n. 59 “attuazione della direttiva 2006/123/ce relativa ai servizi nel mercato interno”- (g.u. n. 94 del 23 aprile 2010-supp. ordinario n. 75)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>