Questo articolo è stato letto 2 volte

Marche – Fondo unico 2011 per il commercio

Sostenere la crescita del commercio al dettaglio, rilanciare le attività nei centri storici, aiutare i giovani consumatori a compiere scelte responsabili. Sono questi gli obiettivi che la Regione Marche intende conseguire nel 2011 e per questo la Giunta regionale ha approvato le modalità di suddivisione del Fondo unico 2011 per il commercio.

I criteri per la ripartizione delle disponibilità del Fondo sono contenuti nella delibera n. 717 del 16 maggio 2011, in tutto le risorse destinate al finanziamento risultano essere circa 2,5 milioni di euro, da ripartire in nove aree d’intervento. In particolare, 900mila euro sono stati previsti per i progetti di riqualificazione e valorizzazione delle imprese commerciali al dettaglio, favorendo la ristrutturazione dei locali di attività, altri di 229mila euro sono riservati agli stessi progetti ma beneficiarie saranno le imprese commerciali nei Comuni al di sotto dei 5mila abitanti.

Tra i vari interventi, anche uno stanziamento di 445mila euro a favore dei centri commerciali naturali per la rivitalizzazione dei centri storici, e 42mila euro per promuovere e sostenere iniziative divulgative e di sensibilizzazione mirate a diffondere l’importante realtà del commercio equo solidale. Per quanto riguarda, invece, i contributi ai consorzi fidi e per le cooperative di garanzia tra operatori commerciali, sono stati stanziati 300mila euro, mentre 100mila euro verranno assegnati ai Centri di assistenza tecnica (Cat).

Inoltre, più di 326mila euro sono stati previsti per la realizzazione di progetti aventi carattere innovativo e 97mila euro per le azioni di intervento a favore dei giovani consumatori. Infine, sono stati stanziati 20mila euro destinati alle imprese organizzatrici di manifestazioni fieristiche e di promozione del settore commerciale in ambito regionale.

La promozione del commercio equo e solidale vedrà assegnati 41 mila euro per la divulgazione, nelle scuole, di iniziative di sensibilizzazione che accrescano la consapevolezza etica delle scelte di consumo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>