Questo articolo è stato letto 5 volte

Non c’è l’arresto immediato degli ambulanti che vendono cd e dvd privi di bollino Siae

Non c’è l’arresto immediato degli ambulanti che mettono in vendita cd e dvd privi del bollino Siae.
La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 14705,della Terza sezione penale, ha spiegato che in base ad una recente decisione della Corte di Giustizia europea (il verdetto “Schwibbert” dell’8 novembre 2007) l’arresto di chi vende cd e dvd “pirata” è possibile solo nei Paesi che hanno provveduto a notificare alla Commissione Ue di aver adottato “ obbligo di apporre sui dischi compatti, contenenti opere, il contrassegno Siae in vista della loro commercializzazione nello Stato membro interessato”.
L’Italia non ha provveduto a comunicare tale obbligo tecnico a e, dunque, la Cassazione ha spiegato che “non essendo stato assolto tale obbligo, non si può farlo valere nei confronti dei privato”, quindi, in considerazione della natura vincolante della sentenza resa dalla Corte di giustizia, l’arresto dell’ambulante africano avvenuto sulla spiaggia di Taormina mentre vendeva cd e dvd falsi non può essere convalidato.

 >> Cassazione Penale, sez. III, 9/4/2008, n. 14705

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>