Questo articolo è stato letto 6 volte

Oneri di urbanizzazione

Nel caso di modifiche di destinazione d’uso senza opere non soggette a preventiva concessione o autorizzazione, l’amministrazione può legittimamente prevedere il pagamento degli oneri di urbanizzazione a carico del privato. Questa la decisione del Tar Lombardia, 3 marzo 2011, n. 375, nell’ambito di una controversia avente a oggetto l’impugnazione del provvedimento con il quale l’amministrazione comunale richiedeva ad un soggetto che richiedeva la modificazione della destinazione d’uso di un fabbricato, da industriale a commerciale, il pagamento del contributo di urbanizzazione.I giudici amministrativi ritengono fondata la richiesta di pagamento degli oneri di costruzione da parte dell’amministrazione perché, attraverso il cambio di destinazione d’uso, infatti, il privato va a beneficiare della presenza delle opere di urbanizzazione ed il corrispondente pagamento è dovuto alla necessità di ridistribuzione dei costi sociali di tali opere.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>