Questo articolo è stato letto 215 volte

Orari degli esercizi commerciali e dei pubblici esercizi

orari

1. L’ordinanza con la quale il sindaco provvede ai sensi dellart. 50, comma 7 del TUEL a coordinare e riorganizzare gli orari degli esercizi commerciali e dei pubblici esercizi ha natura ordinaria ed è dallo stesso adottata nella sua qualità di capo dell’amministrazione comunale e non in quella, concomitante, di ufficiale di governo. Pertanto, per l’adozione di tale ordinanza non è richiesta la sussistenza dei presupposti e delle condizioni per l’adozione delle ordinanze contingibili e urgenti ai sensi dell’articolo 50, comma 5 del TUEL.

2.  L’ordinanza sindacale diretta a coordinare e riorganizzare gli orari degli esercizi commerciali e dei pubblici esercizi, in quanto atto a contenuto generale, non resta a rigore assoggettata all’obbligo di motivazione ai sensi dell’articolo 3, comma 2 della l. 241 del 1990, ragione per cui non possono ravvisarsi in capo a tale atto vizi di illegittimità riguardanti il relativo apparato motivazionale. Allo stesso modo, per tali atti non è richiesta la preventiva comunicazione di avvio del procedimento, in quanto si è in presenza non già di un provvedimento amministrativo, bensì di un atto di regolamentazione a contenuto generale e a valenza sostanzialmente regolamentare.

3. Il termine di quindici giorni di pubblicazione previsto dallarticolo 124 del TUEL per l’esecutività degli atti riguarda le sole deliberazioni assembleari e non anche le ordinanze sindacali.

 

Consulta la SENTENZA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>