Questo articolo è stato letto 105 volte

Pratiche commerciali scorrette

bigliettti

Il Tar Lazio con sentenza n. 2330/2018 ha annullato il provvedimento con cui l’Antitrust aveva contestato a TicketOne la violazione dell’articolo 20 del comma 2 del codice del consumatore ritenendo che l’effettiva attività che danneggia i consumatori non si riscontra nel rapporto diretto tra la società ricorrente e l’acquirente multiplo di biglietto a prezzo non maggiorato ma nel rapporto tra quest’ultimo e il consumatore, che consapevolmente si rivolge al mercato secondario, accettando di pagare un prezzo maggiore pur di non perdere l’evento, con un evidente plusvalore non a beneficio della ricorrente ma del venditore “secondario”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>