Questo articolo è stato letto 13 volte

Pubblicate le nuove risoluzioni del Ministero dello sviluppo economico

Il 26 novembre sono state messe on line le ultime risoluzioni del Ministero dello sviluppo economico. Si tratta di sette pareri espressi nel periodo dal 19 settembre al 21 ottobre che spaziano in tutti i settori commerciali, dalle para-farmacie ai panifici, dalle rivendite di quotidiani e periodici alla somministrazione.
In particolare, segnaliamo il parere n. 30382 del 3 ottobre 2008 con il quale si chiedono chiarimenti sulle disposizioni di liberalizzazione relative all’apertura e all’esercizio dei panifici e, in particolare, l’art. 4, comma 2 bis, della legge 4 agosto 2006, n. 248 e l’interpretazione della suddetta disposizione riportata al punto n.8.1 della circolare 28.9.2006, n. 3603, concernente le modalità di vendita per il consumo sul posto dei prodotti di produzione dei soggetti esercenti l’attività di produzione di pane.
Con riferimento a quanto sopra, si chiede di conoscere se l’attività artigiana di panificazione a suo tempo regolarmente autorizzata anche alla produzione di caffè (tostatura e torrefazione) possa legittimamente consentire il consumo sul posto di bevande ad esclusiva base di caffè.
A tale proposito, si osserva che la disposizione della legge n. 248 è finalizzata a consentire il consumo sul posto dei prodotti nello stato in cui si trovano alla fine del ciclo produttivo e nello stato in cui ne effettua la vendita per asporto.
Nel caso specifico oggetto del quesito, l’autorizzazione a suo tempo acquisita per la tostatura e torrefazione del caffè, se consente al soggetto esercente l’attività di vendere il caffè torrefatto e tostato, non consente di andare oltre detto stadio nella manipolazione del prodotto, pertanto il consumo sul posto di “bevande ad esclusiva base di caffè”, pur preparate dal soggetto in questione, non è ammissibile.
Interessanti, per la materia trattata, sono anche i pareri n. 31980 del 9 ottobre 2008 in materia di orari di apertura riferiti agli esercizi di vendita al dettaglio mediante distributori automatici e il parere n. 32224 sulla vendita degli integratori alimentari nelle parafarmacie, in cui si evidenzia che, per effetto di quanto precisato dal Ministero della salute, ai sensi dell’art. 1 del d.lgs. n.219/2006, gli integratori alimentari non sono “medicinali” e come tali non rientrano nella categoria dei farmaci e sono soggetti alle stesse disposizioni di qualsiasi altro prodotto appartenente al settore merceologico alimentare.

>> Risoluzione 15/09/2008, prot. n.0024368 – Decreto legislativo 24 aprile 2001, n. 170. Riordino del sistema di diffusione della stampa quotidiana e periodica a norma dell’art. 3 della legge 13 aprile 1999, n. 108. Richiesta chiarimenti.

>> Risoluzione 15/09/2008, prot. n. 0024379 – D.Lgs. 31.03.1998, n. 114- Richiesta informazioni sulle disposizioni e requisiti per l’apertura di un’attività commerciale

>> Risoluzione 3/10/2008, prot. n. 0030382 – Istanza di interpello – Chiarimento sulla Circolare 3603 del 28.9.2006 e sull’art. 4, comma 2-bis della legge 4 agosto 2006, n. 248

>> Risoluzione 7/10/2008, prot. n.  0031224 – Legge n. 248/2006 di conversione del d.l. n. 223/2006, art. 5.   Vendita integratori alimentari in parafarmacia – Richiesta parere

>> Risoluzione 9/10/2008, prot. 0031980 – Vendita mediante distributori automatici – Dlgs. 31 marzo 1998, n.114 – Orari di apertura

>> Risoluzione 16/10/2008,  prot. n. 0034916 – D.Lgs. 31.3.1998, n.114 – Risposta al parere richiesto sull’esercizio attività di commercio al dettaglio in esercizio di vicinato

>> Risoluzione 21/10/2008, prot. 0036201 – Legge 25 agosto 1991, n. 287. Esercizio attività di somministrazione alimenti e bevande

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>