Questo articolo è stato letto 146 volte

Sanzioni: più illeciti commessi con un’una o più azioni o omissioni nella recente evoluzione giurisprudenziale

Articolo di Domenico Trombino

SUAP

Sorgono, spesso, non poche difficoltà nell’applicazione dell’art. 8, ma anche dell’art. 8 bis della legge 24 novembre 1981, n. 689, in epigrafe, Modifiche al sistema penale, e molti sono i dubbi in merito che vengono sollevati da organismi di vigilanza e controllo e autorità competenti. Proviamo a fare qui sinteticamente il punto, nell’ambito del più ampio tema relativo alla determinazione del quantum della sanzione.

Si muova pertanto dal presupposto che l’attività determinativa del quantum di una sanzione amministrativa, seppur scaturente dalla sussunzione delle peculiarità di una fattispecie concreta  entro i criteri normativamente indicati, costituisce esplicazione di una lata discrezionalità, tant’è che l’operazione valutativa posta in essere non può essere sindacata in sede di giudizio di legittimità, laddove risulti congruamente motivata e scevra da vizi logici.

I criteri generali di cui fare applicazione, ai fini della commisurazione delle sanzioni pecuniarie, sono rinvenibili nell’ambito dell’art. 11 della l. 689 del 1981, in virtù del quale “nella determinazione della sanzione amministrativa pecuniaria fissata dalla legge tra un limite minimo ed un limite massimo e nell’applicazione delle sanzioni accessorie facoltative, si ha riguardo alla gravità della violazione, all’opera svolta dall’agente per l’eliminazione o attenuazione delle conseguenze della violazione, nonché alla personalità dello stesso e alle sue condizioni economiche”.

 

Continua la lettura dell’APPROFONDIMENTO

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>