Questo articolo è stato letto 7 volte

SUAP: previsto il commissariamento se i comuni non si attivano

L’art. 6, comma 2, lett. f-bis) della legge 12 luglio n. 106, di conversione del D.L. 13 maggio 2011, n. 70, ha inserito nell’art. 38 del D.L. n. 112/2008, convertito, dalla legge n. 133/2008, due nuovi commi: 3-bis e 3-ter.

Ai Comuni che non provvedono, entro il 30 settembre 2011, ad accreditare lo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) ovvero non forniscono alla Camera di Commercio competente gli elementi necessari ai fini dell’avvalimento della stessa, il Prefetto invierà, entro 30 giorni, una diffida e, sentita la Regione competente, provvederà alla nomina di un commissario ad acta, scelto in relazione alle specifiche situazioni, tra i funzionari dei Comuni, delle Regioni o delle Camere di Commercio, al fine di adottare gli atti necessari ad assicurare la messa a regime del funzionamento degli sportelli unici.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>