Questo articolo è stato letto 2 volte

TAR Lazio: pratiche commerciali scorrette

Nella valutazione dell’aggressività di una pratica commerciale scorretta, posta in essere da un’impresa nei confronti di un consumatore, devono essere considerati una serie di elementi, tra cui la persistenza nel tempo della pratica medesima, il ricorso a minacce fisiche o verbali o di quanto altro idoneo ad alterare la capacità decisionale e valutativa del consumatore stesso.

>> TAR Lazio, sez. I, 11/6/2009, n. 5570

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>