Questo articolo è stato letto 2 volte

Tar Lombardia: limitazioni dell’orario di attività di somministrazione che produce immissioni pericolose

Il sindaco di Pavia, vista la relazione dell’ARPA, in cui si accertava una situazione d’inquinamento acustico in un locale in cui si svolgeva attività di somministrazione di alimenti e bevande, con propria ordinanza limitava lo svolgimento dell’attività di somministrazione alle ore 22,00, fintanto che non venivano eseguite adeguate opere di insonorizzazione acustica.
Il Tar Lombardia, con la sentenza n. 715 del 2 aprile 2008, ha stabilito che è legittimo un provvedimento di limitazione dell’orario di un’attività di somministrazione che, per le caratteristiche di svolgimento, produce immissioni pericolose. E’ sufficiente la segnalazione di un solo cittadino per consentire al comune di intervenire.

>> Tar Lombardia, sez. IV, 2/4/2008,  n. 715

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>