Questo articolo è stato letto 3 volte

Testo unico dell’apprendistato

E’ stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 236 del 10 ottobre 2011, il D. Lgs. 14 settembre 2011, n. 167, recante “Testo unico dell’apprendistato, a norma dell’articolo 1, comma 30, della legge 24 dicembre 2007, n. 247″.
Tra le principali novità, viene confermata la natura a tempo indeterminato del contratto di apprendistato: durante la sua vigenza, il datore di lavoro può recedere per giusta causa o giustificato motivo (a differenza del contratto a tempo determinato, dove il recesso è solo per giusta causa); al termine del periodo di apprendimento si apre una finestra di libero recesso, senza la necessità della giustificazione, ma con l’obbligo del preavviso decorrente dal termine del periodo di formazione.

Il nuovo decreto – composto di 7 articoli – disciplina quattro ipotesi di apprendistato:
1) apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, per i giovani tra i 15 e i 25 anni con la possibilità di acquisire un titolo di studio in ambiente di lavoro (art. 3);
2) apprendistato di mestiere, per i giovani tra i 18 e i 29 anni che potranno apprendere un mestiere o una professione in ambiente di lavoro (art. 4);
3) apprendistato di alta formazione e ricerca, per i giovani tra i 18 e i 29 anni per conseguire titoli di studio specialistici, universitari e post-universitari e per la formazione di giovani ricercatori per il settore privato (art. 5);
4) apprendistato per la riqualificazione di lavoratori in mobilità espulsi da processi produttivi (art. 7, comma 4).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>