Questo articolo è stato letto 123 volte

Vendita di prodotti recanti marchio contraffatto

Non ha rilievo la configurabilità della cosiddetta contraffazione grossolana, considerato che l’art. 474 cod. pen. tutela, in via principale e diretta, non già la libera determinazione dell’acquirente, ma la pubblica fede, intesa come affidamento dei cittadini nei marchi o segni distintivi, che individuano le opere dell’ingegno e i prodotti industriali e ne garantiscono la circolazione; si tratta, pertanto, di un reato di pericolo, per la cui configurazione non occorre la realizzazione dell’inganno e nemmeno ricorre l’ipotesi del reato impossibile qualora la grossolanità della contraffazione e le condizioni di vendita siano tali da escludere la possibilità che gli acquirenti siano tratti in inganno.

Corte di Cassazione Penale 8/3/2016, n. 11687


LA REDAZIONE CONSIGLIA

8891612960

CONTRAFFAZIONE E SICUREZZA DEI PRODOTTI
Guida operativa ai controlli

Normativa in materia di produzione e vendita
Tutela dei consumatori
Etichettatura
Igiene degli alimenti
Strumenti di pesatura

ACQUISTA ON LINE

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>