Disposizioni urbanistiche e titoli commerciali: il rapporto secondo il Consiglio di Stato

Con una interessante  sentenza n. 3435 del 29 luglio 2016, il Consiglio di Stato sez. V conferma un orientamento giurisprudenziale e della dottrina qualificata in relazione a due principi del diritto amministrativo molto significativi.
Il giudizio ruota intorno ad un caso di annullamento di una concessione edilizia in sanatoria da parte di un comune, annullamento che è stato posto successivamente dall’amministrazione comunale a base della revoca di titoli commerciali, più precisamente l’autorizzazione all’esercizio di giochi leciti e la licenza di somministrazione di alimenti e bevande tipo , con contestuale e conseguente ordinanza di chiusura immediata dell’esercizio.
A supporto del suo ricorso, il soggetto esercente asseriva che il fabbricato in questione era anteriore al 1967 e che l’abuso risaliva a prima del suddetto periodo.

 

>> CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati.
Se sei già un nostro abbonato, effettua il login.
Se non sei abbonato o ti è scaduto l’abbonamento
>>ABBONATI SUBITO<<

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.