Esercizio dell’attività di acconciatore fuori dai locali dell’impresa

Il Ministero dello sviluppo economico, con nota del 17 ottobre 2016,  ha espresso il proprio parere in merito all’esercizio dell’attività di acconciatore fuori dai locali dell’impresa.

Nello specifico trattasi di attività saltuaria presso una casa di riposo e si risponde alla domanda se «debba la stessa casa di riposo presentare una scia per iniziare l’attività di acconciatore presso i propri locali, iscrivendosi alla camera di commercio come impresa artigiana e nominando la succitata acconciatrice quale direttore tecnico» e se, in tal caso, l’acconciatrice «debba ricevere compenso direttamente dall’ospite della casa di riposo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.