Questo articolo è stato letto 298 volte

IL CASO – artigiano alimentare – civile abitazione – iscrizione registro

question-mark-4682731__480

Si chiede quali siano i riferimenti normativi nonché l’iter da seguire per l’avvio di impresa alimentare domestica (IAD).

Da una prima verifica infatti sembrerebbe consentita dal punto di vista fiscale e necessiterebbe di P. IVA come microimpresa ma dal punto di vista amministrativo sembrano esservi esclusivamente i Regolamenti CE 852/2004, allegato II, capitolo III ” igiene dei prodotti alimentari – 1169/2011″ “etichettatura alimentare e 178/2002 rintracciabilità degli alimenti” che riguardano la gestione dei prodotti in generale ma che non entrano nel merito della specifica attività.

Si chiede pertanto se sia esercitabile e se si, soggetta a scia? Con quale codice ateco? Infatti sul sito ateco infocamere non appare specificatamente questa tipologia di attività.

Vuoi conoscere la risposta dei nostri esperti? Continua a leggere QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>