Questo articolo è stato letto 171 volte

IL CASO – gioco – roulette

Viene richiesto se sia possibile svolgere l’attività professionale di organizzazione di eventi nei quali venga “simulata” l’attività di gioco dei casinò, quali ad esempio la roulette ed il poker. L’attività si effettuerebbe senza l’utilizzo di denaro ed esclusivamente con fiches il cui valore non potrà poi essere convertito in denaro, ma al solo scopo ludico. Quale incentivo per il gioco verranno eventualmente previsti dei premi, per i migliori giocatori. Lo scrivente si interroga sulla fattibilità di tale attività, con particolare riferimento ai giochi indicati nella tabella dei giochi proibiti prevista dall’art. 110 tulps, nei quali sicuramente il poker ed i comuni giochi di carte sono presenti.

 

>> Vuoi conoscere la risposta del nostro esperto? Continua a leggere QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *