IL CASO – produttore agricolo – birra – consumo immediato – ambulante

» Quesito

Una società agricola srl che produce birra chiede di poter effettuare all’interno della cascina (in zona agricola ), di cui ha la disponibilità, delle manifestazioni intendendo per manifestazioni la somministrazione al pubblico indistinto appoggiandosi ad un titolare di autorizzazione per il commercio su area pubblica in forma itinerante, allietando i presenti con musica, e disc jokey. E’ possibile consentire queste manifestazioni alla società agricola oppure trattandosi di zona agricola è possibile derogare solo agli enti del terzo settore?

» Risposta

Il soggetto indicato nel quesito dovrebbe essere iscritto al registro delle imprese quale produttore agricolo, coltivare i prodotti che servono a produrre la birra e poi attuare tutto il processo di trasformazione del prodotto fino ad ottenere la birra, confezionarla ed etichettarla secondo le disposizioni in vigore. Se la persona svolge tutta questa attività potrà anche consentire il consumo immediato del prodotto, ovvero la vendita delle bottiglie della sua birra fornendo anche le attrezzature necessarie al consumo sul posto, tavoli, bicchieri, cava tappi ecc. non potrà invece cedere la birra alla spina o attuare il servizio assistito perché così facendo si attuerebbe una attività di somministrazione e per fare questo dovrebbe essere autorizzato come agriturismo. Durante tale attività si potrà anche consentire la diffusione di musica e e , vista la presenza del disc jokey  riteniamo che si debba rilasciare licenza ex art.68 TULPS previa verifica di agibilità di cui all’articolo 80 del medesimo testo. Nell’ipotesi che l’attività di intrattenimento termini entro le ore 24 e i partecipanti non siano superiori a 200 persone, la licenza sarà sostituita da una SCIA e la agibilità potrà essere redatta da un tecnico abilitato. In ogni caso servirà la certificazione di previsione di impatto acustico. Non sembra invece possibile consentire lo svolgimento dell’attività da parte del commerciante su area pubblica dato che l’attività di vendita della birra avviene su area privata, ovvero in un luogo nel quale il titolo autorizzativo in possesso dell’operatore su area pubblica non risulta idoneo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.