Questo articolo è stato letto 166 volte

Il Consiglio di Stato sull’individuazione di luoghi sensibili ai fini del contrasto alla ludopatia

Articolo di Daniela Tedoldi

Il Consiglio di Stato interviene a chiarire le possibilità offerte dalle leggi regionali ai comuni circa l’individuazione dei c,d “luoghi sensibili” e relative distanze di insediamento di sale gioco o scommesse. In questo caso la legge regionale interessata è quella Toscana, precisamente la n. 57 del 2013 e s.m.i che all’art. 4 vieta “l’apertura di centri di scommesse, di spazi per il gioco con vincita in denaro, nonché la nuova installazione di apparecchi per il gioco lecito all’interno dei centri e degli spazi medesimi, situati ad una distanza inferiore a 500 metri, misurata in base al percorso pedonale più breve” da una serie di luoghi sensibili indicati dallo stesso art. 4.

 

Continua la lettura dell’ARTICOLO

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *