In primo piano

La scia delle aziende

L’art. 19 della legge 241/90, che introduce e disciplina la segnalazione certificata d’inizio attività, è stato, a ragione, considerato disposizione normativa integrante lo statuto delle imprese e quindi delle attività economiche. In tal senso rappresenta uno dei pilastri del d.P.R. 7 settembre 2010, n. 160 Regolamento per la semplificazione ed il riordino della disciplina sullo sportello unico per le attivita’ produttive, ai sensi dell’articolo 38, comma 3, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, insieme con l’art. 20 della stessa legge sul procedimento amministrativo, il d.P.R. 8 dicembre 2000, n. 445 “Disposizioni legislative in materia di documentazione amministrativa. (Testo A)” e al Codice dell’amministrazione digitale di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 (di recente corposamente modificato e integrato dal d.lgs. 26 agosto 2016, n. 179, in GU n. 214 del 13/09/2016). Tale articolo 19, al comma 1, continua ad assumere come riferimento l’attività imprenditoriale, commerciale o artigianale, espressione in ogni caso più restrittiva di quella utilizzata dal d.P.R. 160/2010, all’art. 2, comma 1, ove stabilisce ciò che rientra nella competenza procedurale del SUAP, ossia tutte le attività economiche e i servizi di rilevanza economica (“unico soggetto pubblico di riferimento territoriale per tutti i procedimenti che abbiano ad oggetto l’esercizio di attività produttive e di prestazione di servizi (…)”.

Continua la lettura dell’APPROFONDIMENTO

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *