L’omessa comunicazione all’Autorità di P.S. delle generalità degli ospiti da parte delle strutture ricettizie è ancora reato

La Corte di Cassazione ha preso in esame la questione dell’omessa comunicazione all’Autorità di Pubblica Sicurezza delle generalità dei clienti da parte degli alberghi.

Il GIP, infatti, aveva emesso una sentenza con la quale aveva dichiarato il non doversi procedere, perché il fatto non costituisce reato, nei confronti di un gestore di una struttura ricettizia che aveva omesso di comunicare all’Autorità di Pubblica Sicurezza le citate informazioni.

Ma il Sostituto Procuratore Generale presso la Corte d’Appello ha proposto ricorso in Cassazione contro la pronuncia del GIP eccependo l’inosservanza dell’articolo 2 TULPS.

Vediamo cosa ha deciso la Corte di Cassazione in ordine a tale problematica.

Continua la lettura dell’APPROFONDIMENTO

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.