In primo piano

Procedimento amministrativo: comunicazione dei motivi ostativi all’accoglimento dell’istanza

L’art. 10-bis l. n. 241/1990 (“Comunicazione dei motivi ostativi all’accoglimento dell’istanza”), nella nuova formulazione risultante dopo le modifiche del decreto legge 16 luglio 2020, n. 76, conv. in legge 11 settembre 2020, n. 120 (Decreto Semplificazioni) prevede ora che l’amministrazione, in caso di annullamento in giudizio del provvedimento adottato a seguito di invio di preavviso di rigetto, non possa addurre per la prima volta motivi ostativi già risultanti dall’istruttoria che non fossero stati indicati nella comunicazione ex art. 10-bis. A metterlo in evidenza è la sentenza del TAR Lombardia (Sez. III), datata 18 luglio 2022, n. 1706.

Come confermato dalla Relazione illustrativa di accompagnamento al d.l. n. 76/2020, spiegano i giudici amministrativi lombardi, la norma “è finalizzata a evitare che l’annullamento conseguente al mancato accoglimento delle osservazioni del privato a seguito della predetta comunicazione dia luogo a plurime reiterazioni dello stesso esito sfavorevole con motivazioni sempre diverse, tutte ostative, parcellizzando anche il processo amministrativo. Nella sostanza, confermano i giudici, si vuole cercare di ricondurre a un’unica impugnazione giurisdizionale l’intera vicenda sostanziale evitando che la parte sia costretta a proporre tanti ricorsi quante sono le ragioni del diniego, perché non comunicate tutte nel medesimo atto”.

TAR Lombardia sez. III 18/7/2022 n. 1706

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.