LA SCHEDA – Sala scommesse – Diffida all’esercizio dell’attività di raccolta scommesse

Le sale scommesse ippiche e sportive non sono equiparabili alle sale pubbliche da gioco e ai videogiochi

Il TAR Veneto con sentenza n. 1081/2016 ha stabilito che non è possibile interpretare il divieto del Regolamento Edilizio Comunale (ndr, in materia di distanze minime delle sale scommesse da luoghi “sensibili”) come comprendente anche i centri di raccolta delle scommesse ippiche e sportive, dovendosi, al contrario, fornire una interpretazione tassativa e restrittiva del testo normativo, concernente unicamente le sale pubbliche da gioco e gli apparecchi per il gioco d’azzardo lecito.

>> Vedi la sentenza

>> Vedi la scheda di commento

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.