Questo articolo è stato letto 6 volte

I Buoni sconti non sono manifestazioni a premio

Il Ministero dello sviluppo economico, con risoluzione prot. 0205930 del 20 novembre 2014, ha fornito indicazioni sulle manifestazioni a premio ed in particolare sulla applicazione dell’art. 6, comma 1, del D.P.R. 26 ottobre 2001, n. 430 che individua i casi di esclusione dal novero delle operazioni a premio.

Nel fornire le indicazioni, il Ministero richiama l’art, 1, comma 2, del D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, nella legge 24 marzo 2012, n. 27 secondo cui: Le disposizioni recanti divieti, restrizioni, oneri o condizioni all’accesso ed all’esercizio delle attività economiche sono in ogni caso interpretate ed applicate in senso tassativo, restrittivo e ragionevolmente proporzionato alle perseguite finalità di interesse pubblico generale, alla stregua dei principi costituzionali per i quali l’iniziativa economica privata è libera secondo condizioni di piena concorrenza e pari opportunità tra tutti i soggetti, presenti e futuri, ed ammette solo i limiti, i programmi e i controlli necessari ad evitare possibili danni alla salute, all’ambiente, al paesaggio, al patrimonio artistico e culturale, alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana e possibili contrasti con l’utilità sociale, con l’ordine pubblico, con il sistema tributario e con gli obblighi comunitari ed internazionali della Repubblica.

In particolare la risoluzione riguarda i limiti entro i quali, in presenza di alcune specifiche tipologie di iniziative promozionali, non trovano applicazione le prescrizioni e gli adempimenti previsti nella normativa sulle manifestazioni a premio, alla luce della  modifica apportata dal  D.L. 24 giugno 2014, n. 91, convertito, con modificazioni, dalla L. 11 agosto 2014, n. 116, all’art. 6, comma 1, con l’introduzione della lettera  c-bis) che esclude dalle manifestazioni a premio le manifestazioni nelle quali, a fronte di una determinata spesa, con o senza soglia d’ingresso, i premi sono costituiti da buoni da utilizzare su una spesa successiva nel medesimo punto vendita che ha emesso detti buoni o in un altro punto vendita facente parte della stessa insegna o ditta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>