Questo articolo è stato letto 35 volte

IL QUESITO DEL GIORNO – Scuola di ballo – trattenimento – somministrazione – sorvegliabilità

Quesito

Un’associazione titolare di una scuola di ballo (ballo latino -americano) vuole usare uno spazio aggiuntivo a quello ove si svolgono le lezioni di ballo per effettuare trattenimenti danzanti con cadenza settimanale ove può partecipare anche un pubblico indiscriminato. Contemporaneamente esercitare anche l’attività di somministrazione di alimenti e bevande. E’ possibile la coesistenza in spazi separati ma con un unico accesso di attività rivolte ai soci e ai non soci? Ad avviso dello scrivente ufficio sembrerebbe non possibile a meno che i due spazi non siano accessibili autonomamente e l’attività rivolta al pubblico autorizzata ai sensi dell’art.68 del TULPS e della L. n. 287/91 come esercizio pubblico.

Risposta

 
L’attività di trattenimenti danzanti necessita della verifica da parte della commissione di vigilanza e del successivo rilascio della licenza prevista dall’articolo 68 del TULPS; in tali locali si potrà anche esercitare l’attività di somministrazione di alimenti e bevande a favore dei soli partecipanti al trattenimento ai sensi della legge 287/91. L’interessato dovrà possedere i requisiti morali e professionali previsti dall’articolo 71 del D.lgs 59/2010 ed anche quelli previsti dagli articoli 11, 92 e 131 del TULPS. Rammentiamo che i locali utilizzati dovranno avere destinazione d’uso conforma all’attività che si vuole esercitare. Detto ciò nper quanto indicato nel  quesito, ovvero che le due attività siano comunicanti e con un unico accesso non sembra proprio che possano sussistere i requisiti di sorvegliabilità
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>