Questo articolo è stato letto 1 volte

Liberalizzazione dei servizi di comunicazione elettronica

Nella sentenza n. 69 del 26 febbraio 2010, la Corte costituzionale ha dichiarato illegittime le disposizioni contenute nella legge regionale del Veneto n. 32/2008 le quali, in contrasto con le scelte operate dal legislatore statale in tema di liberalizzazione dei servizi di comunicazione elettronica e di semplificazione procedimentale, prevedono una autorizzazione comunale per i centri di telefonia in sede fissa già esercitanti l’attività alla data di entrata in vigore della legge

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>